Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Bambini misura di città - su mezzocielo.it

su mezzocielo.it - 07 Luglio 2013

v

07 Luglio 2013

Si è svolto il 4 luglio, nella sala consiliare di Palazzo delle Aquile a Palermo, l’incontro “Bambini misura di città – il territorio urbano come risorsa per l’infanzia”, voluto e organizzato dall’associazione culturale WozLab/Culture Meridiane, Laboratorio Zeta, OccupyLudotek, Babbalù e Gruppo Maternage le Balate, sulle tematiche legate alla vita urbana dei più piccoli, dalla mobilità al gioco, ai servizi educativi. Un’assemblea durata tre ore con una assenza pesante: quella degli assessori “competenti” invitati. Il gruppo che ha organizzato l’incontro ha elaborato delle schede di lavoro dove ad ogni tema seguiva una proposta operativa e si indicavano gli organi amministrativi (assessorati, uffici competenti, circoscrizioni) che in sinergia possono mettere in atto cambiamenti possibili in grado di migliorare la vita di tutti i cittadini, proprio a partire dai bisogni e dai diritti dei più piccoli.

Gli argomenti di maggiore evidenza, come emerso dal dialogo aperto con i partecipanti (tra cui i consiglieri Antonella Monastra e Alberto Mangano) si possono tradurre nella necessità di dotare la città di un piano della mobilità scolastica e mobilità lenta, di un piano strategico degli spazi verdi urbani (aree verdi pubbliche con servizi e strutture di ospitalità), di una mappatura degli spazi gioco e delle attrezzature per lo sport presenti in ogni circoscrizione, di politiche educative che tengano conto di: percorsi di formazione e aggiornamento per gli operatori dei servizi dell’infanzia, coordinamento pedagogico tra i servizi educativi comunali (nidi e scuole d’infanzia, modifica del regolamento degli asili nido comunali), di un piano di comunicazione della cultura dell’infanzia (campagne pubblicitarie, materiale informativo sui diritti dei bambini, pagine specifiche rivolte ai bambini e ai servizi ad essi dedicati da inserire sul portale del comune di Palermo).


continua ...

Chi sono

Antonella Monastra è palermitana e nata nel ‘56. E’ ginecologa responsabile del Consultorio Familiare ...
Continua a leggere

Registrati

Contatti

mail2INDIRIZZO MAIL

fb icon 325x325    Twitter logo blue